stefanoallievifoto logo stefano allievi










Apertamente Blog Appunti dalla crisi italiana


twitter allievi facebook allievilinkedin allievifeed allievi

Chi ha ucciso il PD, secondo me…

Chi ha ucciso il Pd secondo Allievi

“Il Mattino”, Padova — 30 settembre 2013 —   pagina 11   sezione: Nazionale

Sociologo del Bo, democratico “rottamatore”, opinionista dei nostri quotidiani. Stefano Allievi, classe 1958, professore associato a Scienza della comunicazione, manda in libreria il 16 ottobre il suo ultimo saggio: «Chi ha ucciso il Pd. (e cosa si può fare per salvare quel che ne resta)» (Mimesis, pagine 208, euro 16). «Una lucida analisi della crisi del Partito democratico, promessa non mantenuta del panorama politico italiano. Un testo appassionato e arrabbiato, critico ma propositivo. Un diario in pubblico, anche. Le parole di un osservatore partecipante, che le vicende democratiche le ha vissute da dentro e dal basso» si legge nella scheda editoriale. Allievi analizza con progressivo scoramento il fallimento di un ceto dirigente, il suo progressivo allontanarsi dall’«idea fondativa». È la storia politica della fusione di Ds e Margherita approdata al flop elettorale di Veltroni prima e Bersani poi. Un progetto sfaldatosi progressivamente: «accompagnando la frustrazione a una non spenta motivazione verso un cambio di direzione, di visione, di metodo». Il libro di Allievi punta ad un obbiettivo preciso: «Far tornare il Pd quello che aveva dichiarato di voler essere, e non è stato». È anche un modo di riaprire il dibattito all’interno del Pd padovano, alle prese con un congresso tutt’altro che scontato e insieme al possibile “pensionamento” della classe dirigente sopravvissuta agli ultimi vent’anni. Già le prime presentazioni del saggio di Allievi dovrebbero riservare qualche sorpresa, per il momento ancora “inedita”.

Leave a Comment