stefanoallievifoto logo stefano allievi










Apertamente Blog Appunti dalla crisi italiana


twitter allievi facebook allievilinkedin allievifeed allievi

Un circolo virtuoso per la politica italiana?

E’ possibile immaginare l’innescarsi di un circolo virtuoso, che riguardi anche la politica di questo paese? Forse sì. Chi ha seguito e analizzato il dibattito politico di questi anni – immobile per troppo tempo – è comprensibilmente incline al pessimismo. Il rischio che cambi solo qualcosa, di facciata, in modo che non cambi nulla di sostanziale, è sempre dietro l’angolo. Tuttavia alcuni elementi sembrano spingere in una direzione diversa: che il paese desidera da tempo, ma non osa quasi nemmeno più immaginare, rassegnato come è alla rassegnazione.

Il primo è evidentemente la fine del ciclo berlusconiano, sancita simbolicamente dalla sua decadenza da senatore. Berlusconi resterà un attore politico importante: ma il suo declino come leader carismatico, e ancora di più come simbolo e coagulo di un potenziale cambiamento di sistema – in sostanza, come figura innovatrice – è comunque evidente. Continuerà a occupare uno spazio politico, in posizione di autoconservazione: ma il suo orizzonte, oggi, è quello della difesa di uno spazio elettorale, non quello del cambiamento del paese. E il suo slancio riformatore, è in crisi evidente. Il declino potrà non essere immediato, e lento quanto basta per garantirgli un ruolo non marginale, ma la sua direzione è segnata.

Il secondo è l’inizio di un ciclo politico diverso all’interno del Partito Democratico: con l’ascesa al vertice di una nuova generazione, con una spinta riformatrice marcatamente accentuata, e uno stile politico differente. Incarnata non solo da Matteo Renzi, il probabile vincitore delle primarie dell’8 dicembre, ma da tutti i contendenti, e da una buona parte dei loro sostenitori più convinti. Convinti, per l’appunto, di voler innescare un nuovo ciclo politico. Le nuove leve della politica di centro-sinistra non si accontenteranno di qualche spazio negli organigrammi, ma chiederanno molto di più anche all’azione di governo, delineando un profilo riformatore che è nella logica stessa della concorrenza tra leadership alternative. E questo non potrà che portare a dinamiche di cambiamento comunque in discontinuità con il passato.

Il terzo elemento è legato alle divisioni all’interno del campo ex-berlusconiano, che hanno portato alla nascita di una nuova formazione politica di centro-destra che continuerà a sostenere il governo. Il suo profilo non è certamente innovatore, ponendosi piuttosto in una logica di continuità di contenuti – e di continuismo di metodo – rispetto al passato. Ma la concorrenza interna al campo del centro-destra, la necessità di caratterizzarsi in maniera diversa rispetto ai fedelissimi del leader decaduto (largamente maggioritari in parlamento, e ormai all’opposizione), il desiderio di continuare a governare, porteranno comunque a una concorrenza costruttiva, in qualche modo simile a quella prodotta nel campo avverso dalla corsa per le primarie, consentendo di scegliere tra agende politiche alternative e modelli diversi di partito.

Il quarto elemento sta nell’azione di governo. Non più bloccato dai veti incrociati dei partiti che lo sostenevano fino ad ora, quasi tutti di carattere ideologico e legati a bandiere simboliche e identitarie (come nel caso, paradigmatico, dell’Imu), e obbligato dal capo dello stato a chiedere una nuova fiducia alle camere, sulla base di un’intesa programmatica diversa, potrà caratterizzare il proprio profilo pragmatico, con un più accentuato indirizzo riformatore, e maggiore libertà di perseguirlo.

Se i primi due elementi – la fine del ciclo berlusconiano e l’inizio di un nuovo ciclo politico nel PD, che resta il primo partito nel paese – sono delle tendenze in qualche modo segnate, gli ultimi due – la nascita di un nuovo centro-destra e un profilo governativo più di attacco – sono solo delle ipotesi, e delle speranze: che oggi come non mai, tuttavia, vivono le condizioni maggiormente favorevoli per manifestarsi. Se accadrà, il circolo virtuoso potrà innescarsi subito. Altrimenti occorrerà aspettare le prossime elezioni: in questo caso certamente più vicine.

L’Italia può aprire un circolo virtuoso, in “Messaggero veneto”, 2 dicembre 2013, p.1

Novità interessanti in politica, in “Mattino” Padova, “Tribuna” Treviso, “Nuova” Venezia, “Corriere delle Alpi”, 2 dicembre 2013, p.1

Leave a Comment