stefanoallievifoto logo stefano allievi










Apertamente Blog Appunti dalla crisi italiana


twitter allievi facebook allievilinkedin allievifeed allievi

Il burkini come metafora. Conflitti simbolici sull’islam in Europa

Il burkini come metafora. Conflitti simbolici sull’islam in Europa, Roma, Castelvecchi, 2017

Copertina del libro "Il burkini come metafora"

Copertina del libro "Il burkini come metafora"

Il burkini è un costume da bagno che veste completamente il corpo della donna, tranne volto, mani e piedi. Ma a partire dalla polemica nata in Francia nell’agosto 2016, come per altre forme di visibilizzazione dell’islam – ad esempio l’hijab (il velo), la moschea, il minareto –, è diventato l’ennesimo simbolo del conflitto culturale che separerebbe islam e occidente. Analizzare il dibattito cui ha dato inizio, prendendo spunto dalle diverse posizioni espresse (laica, femminista, islamica, anti-islamica, fino a quelle di altre comunità religiose), diventa quindi un modo per capire il posto dell’islam nelle società europee. Il burkini diventa così una metafora dell’inclusione (o dell’esclusione), delle sue difficoltà, dei suoi problemi e della capacità che abbiamo di risolverli, delle differenze accettabili e di quelle inaccettabili. A partire da ciò che nasconde: il corpo delle donne.

Link al sito della casa editrice.

3 risposte a Il burkini come metafora. Conflitti simbolici sull’islam in Europa

  • Trovo assolutamente assurdo questo dibattito su hijab, veramente il problema è una stoffa messa sul capo???ma veramente lo state a dire???il problema non è violenza sulle donne anche musulmane o integrazione o istruzione e lavoro,ma hijab????stiamo ben sistemati…..una polemica RAZZISTA SPIRITI DI TEMPI BUI

  • Veramente é assurdo questo dibattito, non vedo levate di scudi contro ip turbante sikh ,non è anche questo segno di visualizzazione???cosa dovrebbero fare le donne musulmane che vorrebbero indossare hijab ,diventare invisibili????ma che cazzo scrivete????

  • Certo burka ,niqab etc sono non compatibili con democrazie e libertà, ma spesso questo genere di giusto disappunto esagera magari arrivando al punto di proporre ad esempio il bando del velo,anche quello non integrale ,poi trovo stucchevole sto dibattito su hijab si ,no e ni,se una lo indossa liberamente chi siamo per volerlo proibire??poi ,almeno per me, importante più che velo si o no,è la istruzione femminile delle ragazze musulmane ,istruzione che è la chiave di volta, poi,hijab si,o lo scandalizzato atteggiamento di qualcuno contro di esso é ridicolo ,un caos immenso, per cose???per un velo ????ma fatemi il piacere di badare a cose più concrete cone istruzione e lotta alla violenza sulle donne

Leave a Comment