stefanoallievifoto logo stefano allievi










Apertamente Blog Appunti dalla crisi italiana


twitter allievi facebook allievilinkedin allievifeed allievi

Gli errori di Salvini sull’integrazione

Il ministro dell’Interno scrive oggi una lettera al Corriere della sera, pubblicata in prima pagina (https://www.corriere.it/politica/18_luglio_14/pilota-comandi-c-e-0e47959a-87a4-11e8-bfdc-8bbc13b64da8.shtml).

Inizia con questa frase:

“Sono al Viminale da un mese e mezzo e sono sbarcate 3.716 persone. Nello stesso periodo dell’anno scorso erano state 31.421.”

Peccato che sia un uso – diciamo così – disinvolto dei dati: che non sorprende vengano usati in questo modo dal Ministro, ma sorprende abbastanza che non vengano controllati da nessuno.

Non perché il dato non sia esatto: ma perché è largamente incompleto. I dati sugli arrivi nel 2018, infatti, sono enormemente inferiori a quelli del 2017 anche nei mesi precedenti: 17.168 dal 1 gennaio al 13 luglio 2018, contro 119.369 alla stessa data del 2017. Nel mese di maggio, per dire, i cui risultati non possono essere certamente addebitati alla gestione Salvini (il governo è entrato in carica l’1 giugno), gli arrivi sono stati 3.963 nel 2018 contro 22.993 nel 2017. Cosa manca, allora, nei dati di Salvini? Un ringraziamento al ministro dell’Interno precedente, Minniti: il calo degli sbarchi è opera sua.

Dopodiché sarebbe forse utile un’analisi dei morti in mare. Che fonti non ufficiali (il ministero dell’Interno i dati non li riporta) ci dicono siano aumentati nell’ultimo mese e mezzo, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Così si legge in un articolo di due giorni fa (http://www.vita.it/it/article/2018/07/12/salvini-dixit-meno-morti-in-mare-e-niente-fuga-dalla-guerra-il-fact-ch/147581/): “Secondo l’Unhcr, nel solo mese di giugno, una persona su sette ha perso la vita nel tentativo di attraversare il Mediterraneo centrale, rispetto a una su 19 nella prima metà dell’anno e una su 38 nella prima metà del 2017.” E ancora: “Solo nelle ultime quattro settimane, sono oltre 600 le persone annegate o disperse, secondo l’OIM, «di questi almeno 410 sono morti in acque internazionali tra Malta, Italia e Libia».” Un altro modo di usare i dati.

Una piccola nota anche su un altro dato annunciato da Salvini: il calo da 35 a 25 euro al giorno di spesa per richiedente asilo “senza ridurre i servizi”. L’errore è gigantesco. Gli altri paesi europei non spendono meno di noi: spendono di più, in alcuni casi parecchio di più, includendo i servizi offerti (alloggio, formazione professionale, ecc.). Ma spendono meglio: producendo integrazione, non solo accoglienza (nel senso di vitto e alloggio): in questo senso noi non spendiamo affatto troppo – ma spendiamo male e inutilmente. E questo, va detto, da sempre. Giusto quindi l’invito a spendere meglio e controllare molto di più e molto più severamente da parte di Salvini: lo si sarebbe dovuto fare anche prima, ed è colpevole che non sia stato fatto. Sbagliato farlo spendendo ancora meno, perché si farà ancora meno integrazione. L’opposto di quello che serve al nostro paese.

Leave a Comment