stefanoallievifoto logo stefano allievi










Apertamente Blog Appunti dalla crisi italiana


twitter allievi facebook allievilinkedin allievifeed allievi

La discriminazione sottile: immigrati in Veneto

Dopo Lodi, anche il Veneto sceglie la discriminazione istituzionale, operata da chi – se facesse bene il suo lavoro – dovrebbe favorire i processi di integrazione.

Parliamo dei buoni scuola per i libri di testo: antipasto di altre politiche discriminatorie in preparazione. Per i quali gli stranieri, oltre all’Isee, dovrebbero portare documenti quasi impossibili da produrre, o comunque costosi da tradurre, per accedere alle agevolazioni. Fardello burocratico che ha scatenato una serie di polemiche. Bene ha fatto quindi il governatore Luca Zaia ad aprire alla possibilità dell’autocertificazione. Anche se il problema rischia di riproporsi in seguito.

Ma quale è il motivo di questa misura per gli stranieri? Una presunta discriminazione al contrario, degli italiani. Ben esemplificata dalla difesa della norma da parte di Luca Zaia: «Mi sembra normale, se uno ha un pozzo di petrolio ad Abu Dhabi è giusto che questo rientri nelle sue condizioni economiche. È una polemica sul nulla e il razzismo non c’entra». Ma se uno ha un pozzo di petrolio chiede i buoni libro? Siamo seri! Prendiamo i dati di Veneto Lavoro. Risulta che gli occupati stranieri in Veneto sono 354.000 (il 31% delle imprese venete ha almeno un dipendente straniero, ma sono il 69% di quelle con più di 15 dipendenti, e l’83% di quelle con oltre 100 dipendenti). Ebbene: che lavoro fanno? 66.210 sono badanti e colf, 27.537 facchini, 25.195 braccianti, oltre 78.000 sono operai non qualificati, 16.000 quelli specializzati, 15.000 gli edili, 11.600 sono personale non qualificato nel turismo, i camerieri sono 10.900,  gli autisti 11.300, gli addetti alle vendite 14.000 (solo con queste categorie superiamo le 267.000 unità). Il grosso degli altri è lavoratore autonomo: imprese di pulizie, bancarelle al mercato, ecc. Altro che petrolieri di Abu Dhabi! Inoltre gli stranieri guadagnano mediamente 7.500 euro l’anno meno degli autoctoni a parità di lavoro. E li carichiamo di costi e burocrazia in più? Come si chiama, questa, se non discriminazione?

Senza contare che si opera una sostanziale inversione dell’onere della prova. Se ci sono furbetti, si perseguano loro. Perché puntare il dito su un’intera categoria, gli stranieri, come se lo fossero per definizione? Perché poi, a guardare le dichiarazioni dei redditi dei veneti, di furbetti ci sarebbe sospetto anche altrove.

Ma la cosa più grave non è questa. E’ che si manda agli stranieri, attraverso un odioso messaggio che coinvolge i minori, inclusi quelli nati qui, un ulteriore segnale di rifiuto. Come dire, qui non siete benvenuti: vi sopportiamo, perché ci servite, ma sotto sotto non vi vogliamo. Un sentimento che rappresenta il Veneto politico, ma forse non quello reale. Dopo la legge anti-moschee: non vi lasciamo pregare perché la vostra religione non ci piace. Dopo le leggi ‘prima i veneti’, che pretendono quindici anni di residenza per poter accedere alle graduatorie di un sacco di beni scarsi (dagli asili agli aiuti ai disabili). E ora con i buoni libro. E domani con i buoni pasto a prezzo pieno, e altro ancora. E’ saggio? Conviene?

No, non è saggio. E, se non si capisce il linguaggio della giustizia, della correttezza, del rispetto sostanziale della norma (violata dalle istituzioni, non dagli stranieri), parliamo almeno quello dell’interesse, del portafoglio (anche se è triste ridursi sempre e solo a questo): non conviene. La popolazione in Veneto è in calo. Calano gli italiani, che muoiono in misura maggiore di quanto nascono, e in più hanno ripreso a emigrare (i dati appena visti sul lavoro spiegano che non è perché gli stranieri gli rubano il lavoro, ma perché non trovano lavori all’altezza del loro livello di studi). Ma calano anche gli stranieri. E se ne vanno quelli già integrati, magari appena acquisita la cittadinanza, e con essa la libera circolazione in Europa. Non stupisce: perché rimanere in una regione che ti dice continuamente, a modo suo, che non ti vuole? Ma la recessione demografica rischia di essere la premessa di quella economica: del resto, se un’impresa non trova manodopera, va altrove. Perché non lavorare per integrarla al meglio, allora, la manodopera che c’è e quella futura, invece di sbatterle continuamente in faccia una mal sopportata diversità? Rischiamo di pagarle care, domani, in termini economici, di mancata integrazione, di futuri conflitti sociali, le scelte elettoralistiche ma poco lungimiranti di oggi. Per le quali sapremo chi ringraziare. Ma sarà tardi.

Buoni libro: la lezione sbagliata, in “Corriere della sera – Corriere del Veneto”, 17 ottobre 2018, editoriale, p.1

Leave a Comment